Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

L’Italia vince l’europeo del fisco


calcio

L’Italia vince l’europeo dei regimi fiscali. Tra la misura attira Paperoni e il regime dei lavoratori impatriati, il Bel paese è la nazione con il fisco più favorevole in Ue per i calciatori professionisti. È quanto emerge dallo studio “Taxing professional football in the Eu” richiesto dalla sottocommissione per gli affari fiscali del parlamento europeo (Fisc) che studia il trattamento fiscale dei giocatori in Italia, Francia, Germania, Spagna, Portogallo, Belgio e Paesi Bassi. Anche il Fisco dei calciatori professionisti contribuisce a creare condizioni di gioco non uniformi. Tuttavia, nonostante gli stati membri abbiano un approccio diverso in merito alla tassazione dei giocatori, la maggior parte si rende conto dell’importanza di un regime attraente per un settore in continua crescita, sottolinea il report. La maggior parte degli stati membri selezionati nella ricerca, infatti, o prevede uno sgravio sulla tassazione del reddito dei calciatori (o del reddito degli atleti in generale), hanno avuto in passato o stanno considerando l’introduzione di queste misure. Si possono quindi distinguere quattro diverse categorie di paesi nell’Ue.

La prima riguarda i paesi con incentivi fiscali per (tra gli altri) il reddito dei calciatori: Paesi Bassi, Francia, Italia e Belgio. I primi tre non prevedono incentivi mirati per l’industria del calcio, ma tutti permettono ai calciatori di godere dei benefici di un regime fiscale per l’impatrio molto vantaggioso. Questi regimi permettono ai calciatori (e indirettamente ai club) di godere di una esenzione dello stipendio e quindi fondamentalmente permettono un’ottimizzazione della base imponibile del reddito dei giocatori. I Paesi Bassi e la Francia permettono un’esenzione del 30%, mentre l’Italia permette un’esenzione del 50%. L’applicazione di questi regimi è soggetta a restrizioni, soprattutto nei Paesi Bassi. Anche il Belgio prevede un regime fiscale per gli impatriati, ma non consente l’applicazione di questo regime ai calciatori. Questo stato, tuttavia, offre un incentivo fiscale in relazione alle ritenute sui salari per i club sportivi, dove l’80% delle ritenute sui salari non deve essere pagato all’amministrazione fiscale ma può essere speso dai club (per lo più a condizione che l’incentivo sia speso per l’istruzione dei giocatori giovani). La seconda, invece, quei paesi che avevano alcuni incentivi fiscali in vigore. La Spagna ha introdotto un regime di impatrio nel 2004, che è spesso indicato come la legge Beckham. Questo regime permetteva la qualifica di non-residente fiscale per i giocatori di calcio che migravano in Spagna e l’uso di aliquote fiscali preferenziali. A partire dal 2015, il regime non può più essere applicato dai calciatori. La terza racchiude i paesi con regimi fiscali specifici, anche se non applicabili ai calciatori. Il Portogallo ha introdotto il regime di residenza fiscale non abituale nel 2009. Questo regime, tra l’altro, permette ai lavoratori qualificati di beneficiare di un’aliquota fiscale preferenziale del 20% sul reddito da lavoro. Questo regime fiscale molto vantaggioso non è aperto ai calciatori. La quarta, infine, illustra la situazione dei paesi senza regimi fiscali specifici. La Germania, ad esempio, non ha alcun regime fiscale specifico sul reddito dei calciatori professionisti. È difficile confrontare l’onere fiscale individuale di un calciatore su base nazionale, spiega lo studio, poiché questo dipenderà dal livello di stipendio, dal tipo di remunerazione ricevuta, dall’applicazione (o meno) di alcuni incentivi fiscali e da molti altri parametri.

Source

“https://www.italiaoggi.it/news/l-italia-vince-l-europeo-del-fisco-2537533”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui